Neomedil Sol Cut 12fl 1lt Benzalconio cloruro/Etanolo

Tipo prodotto: Farmaco solo uso ospedaliero
Principio Attivo: Benzalconio cloruro/Etanolo (2 equivalenti)
Prezzo: 111.60 EUR (IVA: 10%)
Classe: C
ATC: D08AJ01 Benzalconio
Azienda: Nuova Farmec Srl farmec@farmec.it (00133360081)
Ricetta: OSP - uso ospedaliero
SSN: Non concedibile
Forma: Soluzione cutanea
Contenitore: Flacone
Conservazione: Proteggere da luce e calore
Scadenza: 36 mesi
Farmaco Ospedaliero: Si
Lattosio: No

Domande: qual è il nome commerciale di Neomedil?



NEOMEDIL 0,25%+70% SOLUZIONE CUTANEA

Domande: quali sostanze e principi attivi contiene Neomedil?

100 g di soluzione incolore contengono: Principi attivi: benzalconio cloruro 0,25 g; alcool etilico 96% 70,00 g. Per l’elenco completo degli eccipienti vedere paragrafo 6.1.

Domande: Quali eccipienti contiene Neomedil? Neomedil contiene lattosio o glutine?

Soluzione incolore: olio essenziale di limone, canfora, acqua depurata.

Domande: a cosa serve Neomedil? Per quali malattie si prende Neomedil?

Pulizia e disinfezione della cute anche lesa (ferite, ustioni,âE.|). Antisepsi delle mani. Delimitazione e preparazione del campo operatorio.

Domande: quando non bisogna prendere Neomedil?

Ipersensibilità al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti elencati al paragrafo 6.1. Bambini di età inferiore a 2 anni con predisposizione al laringospasmo e alle convulsioni (per la presenza di canfora).

Domande: come si prende Neomedil? qual è il dosaggio raccomandato di Neomedil? Quando va preso nella giornata Neomedil

Applicare sull’area della cute direttamente interessata e su quella circostante, mediante tampone di cotone abbondantemente imbevuto, strofinando per almeno 30 secondi. Ripetere l’operazione 2–3 volte al giorno. Per l’antisepsi delle mani lavare ripetutamente con 5–6 ml di prodotto per almeno 1 minuto. NON SUPERARE LE DOSI CONSIGLIATE.

Domande: Neomedil va conservato in frigo o a temperatura ambiente? Una volta aperto Neomedil entro quanto tempo va consumato?

Conservare il flacone ben chiuso lontano da fiamme, scintille e qualsiasi fonte di calore nella confezione originale, per riparare il prodotto dalla luce. Non fumare. Prodotto facilmente infiammabile.

Domande: a cosa bisogna stare attenti quando si prende Neomedil? Quali sono le precauzioni da osservare durante la terapia con Neomedil?

Il prodotto è solo per uso esterno. L’uso, specie se prolungato, dei prodotti ad uso cutaneo può dare origine a fenomeni di ipersensibilizzazione; in tal caso interrompere il trattamento e istituire un’idonea terapia. Non usare per trattamenti prolungati. L’ingestione o l’inalazione può portare conseguenza gravi, talvolta fatali. Evitare il contatto con occhi, cervello, meningi e orecchio medio. Evitare l’esposizione ai raggi ultravioletti (sole e sorgenti artificiali) dopo l’applicazione del prodotto. Per la presenza di canfora il medicinale deve essere usato con precauzione nei bambini di età superiore a 2 anni.

Domande: Quali farmaci non vanno presi insieme a Neomedil? Quali alimenti possono interferire con Neomedil?

Evitare l’uso contemporaneo di altri antisettici e/o detergenti.

Domande: Quali sono gli effetti collaterali di Neomedil? Devo sospendere la terapia se ho degli effetti collaterali dovuti a Neomedil?

È possibile il verificarsi di qualche caso di intolleranza (bruciore o irritazione), peraltro privo di conseguenze, che non richiede modifica del trattamento. Frequenti applicazioni del prodotto possono provocare irritazione e secchezza della pelle.

Segnalazione delle reazioni avverse sospette La segnalazione delle reazioni avverse sospette che si verificano dopo l’autorizzazione del medicinale è importante, in quanto permette un monitoraggio continuo del rapporto beneficio/rischio del medicinale. Agli operatori sanitari è richiesto di segnalare qualsiasi reazione avversa sospetta tramite il sistema nazionale di segnalazione all’indirizzo www.agenziafarmaco.gov.it/it/responsabili.

Domande: Cosa devo fare se per sbaglio ho preso una dose eccessiva di Neomedil? Quali sintomi dà una dose eccessiva di Neomedil?

Alle normali condizioni d’uso non sono stati riscontrati danni da sovradosaggio. L’ingestione accidentale può provocare nausea e vomito. I sintomi di intossicazione conseguenti l’ingestione di quantità rilevanti di composti ammonici quaternari comprendono dispnea, cianosi, asfissia conseguenti alla paralisi dei muscoli respiratori, depressione del S.N.C., ipotensione e coma. Nell’uomo la dose letale è di circa 1–3 g. Il trattamento dell’avvelenamento è sintomatico: se necessario, somministrare dei lenitivi. Evitare emesi e lavanda gastrica.

Domande: Neomedil si può prendere in gravidanza? Neomedil si può prendere durante l'allattamento?

Non risultano limitazioni d’uso durante la gravidanza o l’allattamento.