Arvenum 60cpr Riv 500mg Diosmina/Esperidina

Tipo prodotto: Farmaco etico
Principio Attivo: Diosmina/Esperidina (5 equivalenti)
Prezzo: 27.00 EUR (IVA: 10%)
Classe: C
ATC: C05CA53 Diosmina, associazioni
Azienda: Stroder Srl stroder@infogroup.it (00394900484)
Ricetta: SOP - ricetta non richiesta
SSN: Non concedibile
Forma: Compresse rivestite
Contenitore: Blister
Conservazione: Nessuna particolare condizione di conservazione
Scadenza: 36 mesi

Domande: qual è il nome commerciale di Arvenum?

ARVENUM 500 MG COMPRESSE RIVESTITE CON FILM

Domande: quali sostanze e principi attivi contiene Arvenum?

Ogni compressa rivestita con film contiene:



principio attivo
Frazione flavonoica purificata, micronizzata 500 mg costituita da: diosmina 450 mg; flavonoidi espressi in esperidina 50 mg. Per l’elenco completo degli eccipienti, vedere paragrafo 6.1.

Domande: Quali eccipienti contiene Arvenum? Arvenum contiene lattosio o glutine?

Carbossimetilamido sodico, cellulosa microcristallina, gelatina, glicerina, ipromellosa, sodio laurilsolfato, ossido di ferro giallo E 172, ossido di ferro rosso E 172, titanio diossido, macrogol 6000, magnesio stearato, talco.

Domande: a cosa serve Arvenum? Per quali malattie si prende Arvenum?

Sintomi attribuibili ad insufficienza venosa; stati di fragilità capillare

Domande: quando non bisogna prendere Arvenum?

Ipersensibilità al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti elencati al paragrafo 6.1.

Domande: come si prende Arvenum? qual è il dosaggio raccomandato di Arvenum? Quando va preso nella giornata Arvenum

2 compresse rivestite con film al giorno (1 a mezzogiorno e 1 alla sera) al momento dei pasti, anche nell’insufficienza venosa del plesso emorroidario.

Domande: Arvenum va conservato in frigo o a temperatura ambiente? Una volta aperto Arvenum entro quanto tempo va consumato?

Questo medicinale non richiede alcuna condizione particolare per la conservazione.

Domande: a cosa bisogna stare attenti quando si prende Arvenum? Quali sono le precauzioni da osservare durante la terapia con Arvenum?

Nessuna.

Domande: Quali farmaci non vanno presi insieme a Arvenum? Quali alimenti possono interferire con Arvenum?

Non sono stati effettuati studi di interazione.

Domande: Quali sono gli effetti collaterali di Arvenum? Devo sospendere la terapia se ho degli effetti collaterali dovuti a Arvenum?

I seguenti effetti o reazioni avverse sono stati riportati e sono stati classificati secondo la seguente frequenza: molto comune (≥1/10); comune (≥1/100, <1/10); non comune (≥1/1.000, <1/100); raro (≥1/10.000, <1/1.000); molto raro (<1/10.000), non nota (la frequenza non può essere definita sulla base dei dati disponibili).

Patologie del sistema nervoso Raro: vertigini, cefalea, malessere

Patologie gastrointestinali Comune: diarrea, dispepsia, nausea, vomito Non comune: colite Non nota: dolore addominale

Patologie della cute e del tessuto sottocutaneo Raro: rash, prurito, orticaria Non nota: edema al volto, alle labbra, alla palpebra; edema di Quincke

Patologie del sistema emolinfopoietico Non nota: trombocitopenia

Segnalazione delle reazioni avverse sospette La segnalazione delle reazioni avverse sospette che si verificano dopo l’autorizzazione del medicinale è importante, in quanto permette un monitoraggio continuo del rapporto rischio/beneficio del medicinale. Agli operatori sanitari è richiesto di segnalare qualsiasi reazione avversa sospetta tramite il sistema nazionale di segnalazione all’indirizzo www.agenziafarmaco.gov.it/it/responsabili.

Domande: Cosa devo fare se per sbaglio ho preso una dose eccessiva di Arvenum? Quali sintomi dà una dose eccessiva di Arvenum?

Non sono stati riportati casi di sovradosaggio.

Domande: Arvenum si può prendere in gravidanza? Arvenum si può prendere durante l'allattamento?





Gravidanza
La sicurezza del farmaco in gravidanza non è stata determinata, pertanto è opportuno non somministrare il prodotto durante la gravidanza.

Allattamento In assenza di dati sull’escrezione nel latte, il trattamento deve essere evitato durante l’allattamento.
Categoria farmacoterapeutica: vasoprotettore e venotonico.

Codice ATC: C05CA53. – Farmacologia Il prodotto esercita la sua attività: – a livello delle vene, diminuendone la distensibilità e riducendo la stasi; – a livello della microcircolazione, normalizzando la permeabilità e aumentando la resistenza capillare. – Farmacologia clinica Le proprietà farmacologiche del prodotto sono state confermate nell’uomo da studi condotti in doppio cieco con metodiche che hanno permesso di obiettivare e quantizzare la sua attività sull’emodinamica venosa. Relazione dose/effetto: L’esistenza di relazioni dose/effetto statisticamente significative è stata stabilita sulla base dei parametri pletismografici venosi: capacità, distensibilità e tempo di svuotamento. Il miglior rapporto dose/effetto è stato ottenuto con 2 compresse. Attività venotonica: Aumento del tono venoso: la pletismografia strain gauge evidenzia una diminuzione dei tempi di svuotamento venoso. Attività microcircolatoria: L’attività valutata da studi clinici controllati in doppio cieco risulta statisticamente significativa nei confronti del placebo. Nei pazienti con fragilità capillare, aumenta la resistenza capillare controllata con l’angiosterrometria. – Clinica L’attività terapeutica del farmaco nel trattamento dell’insufficienza venosa cronica funzionale e organica degli arti inferiori è dimostrata da studi controllati in doppio cieco.
Nell’uomo, dopo somministrazione per via orale di diosmina marcata al carbonio 14, si osserva che: – l’escrezione è essenzialmente fecale mentre l’escrezione urinaria rappresenta, in media, il 14% della quantità somministrata; – l’emivita di eliminazione è di 11 ore; – il prodotto è estensivamente metabolizzato, come dimostrato dalla presenza di differenti fenoli acidi nelle urine.
I dati preclinici hanno scarsa rilevanza clinica alla luce della vasta esperienza acquisita con l’uso nell’uomo del principio attivo contenuto nel prodotto medicinale.