Acido Pipemidico Eg 20cps400mg Acido pipemidico

Tipo prodotto: Farmaco generico
Principio Attivo: Acido pipemidico (5 equivalenti)
Prezzo: 5.05 EUR (IVA: 10%) Rimborso del 4.59
Classe: A
ATC: J01MB04 Acido pipemidico
Azienda: Eg Spa info@eglab.it (12432150154)
Ricetta: RR - ricetta ripetibile 10 volte in 6 mesi
SSN: Concedibile esente
Forma: Capsule
Contenitore: Blister
Conservazione: Nessuna particolare condizione di conservazione
Scadenza: 60 mesi
Glutine: No

Domande: qual è il nome commerciale di Acido Pipemidico Eg?

ACIDO PIPEMIDICO EG 400 MG CAPSULE RIGIDE

Domande: quali sostanze e principi attivi contiene Acido Pipemidico Eg?

Una capsula contiene:

Principio attivo: acido pipemidico mg 400 Per l’elenco completo degli eccipienti, vedere paragrafo 6.1

Domande: Quali eccipienti contiene Acido Pipemidico Eg? Acido Pipemidico Eg contiene lattosio o glutine?

Una capsula contiene: cellulosa microgranulare; silice precipitata; talco; magnesio stearato; gelatina; colorante E 171.

Domande: a cosa serve Acido Pipemidico Eg? Per quali malattie si prende Acido Pipemidico Eg?

È indicato nel trattamento delle infezioni urinarie acute, subacute e croniche dell’adulto: cistiti, uretriti, pieliti e cistopieliti; infezioni urinarie sostenute da germi sensibili Gram–negativi o Gram–positivi, post–operatorie o conseguenti ad indagini strumentali.

Domande: quando non bisogna prendere Acido Pipemidico Eg?

Casi di ipersensibilità già noti all’acido pipemidico. Se ne sconsiglia l’uso nell’infanzia

Domande: come si prende Acido Pipemidico Eg? qual è il dosaggio raccomandato di Acido Pipemidico Eg? Quando va preso nella giornata Acido Pipemidico Eg

La posologia media consigliata di acido pipemidico è di 800 mg al giorno suddivisi in due somministrazioni, ogni 12 ore, preferibilmente dopo i pasti. La durata del trattamento è mediamente di 10 giorni, tuttavia essa va adattata in funzione della risposta terapeutica, soprattutto nella terapia delle forme croniche e recidive. Acido Pipemidico EG può essere somministrato a pazienti con insufficienza renale.

Domande: Acido Pipemidico Eg va conservato in frigo o a temperatura ambiente? Una volta aperto Acido Pipemidico Eg entro quanto tempo va consumato?

Il prodotto è stabile a temperatura ambiente.

Domande: a cosa bisogna stare attenti quando si prende Acido Pipemidico Eg? Quali sono le precauzioni da osservare durante la terapia con Acido Pipemidico Eg?

Nella primissima infanzia il prodotto va somministrato in casi di effettiva necessità sotto il diretto controllo del medico. In corso di terapia si consiglia di ridurre il tempo d’esposizione al sole a causa del rischio di fotosensibilizzazione e di dermatite bollosa. Particolare attenzione va posta nei soggetti anziani a causa delle possibili manifestazioni neurosensoriali e psichiche (vertigini, disturbi dell’equilibrio). TENERE FUORI DALLA PORTATA DEI BAMBINI

Domande: Quali farmaci non vanno presi insieme a Acido Pipemidico Eg? Quali alimenti possono interferire con Acido Pipemidico Eg?

Non si conoscono al momento interazioni medicamentose.

Domande: Quali sono gli effetti collaterali di Acido Pipemidico Eg? Devo sospendere la terapia se ho degli effetti collaterali dovuti a Acido Pipemidico Eg?

Gli effetti collaterali principalmente di natura digestiva quali nausea e gastralgia, solo in casi eccezionali richiedono la sospensione del trattamento e si attenuano somministrando il farmaco a stomaco pieno. Sono stati segnalati rarissimi casi di reazioni allergiche cutanee (tipo rash cutaneo od orticaria) e qualche caso di fotosensibilizzazione; in questi casi è opportuno interrompere il trattamento ed istituire una terapia idonea. Eccezionalmente si sono verificate manifestazioni neurosensoriali e psichiche con vertigini e disturbi dell’equilibrio in soggetti anziani.

Segnalazione delle reazioni avverse sospette La segnalazione delle reazioni avverse sospette che si verificano dopo l’autorizzazione del medicinale è importante, in quanto permette un monitoraggio continuo del rapporto beneficio/rischio del medicinale. Agli operatori sanitari è richiesto di segnalare qualsiasi reazione avversa sospetta tramite il sistema nazionale di segnalazione all’indirizzo www.agenziafarmaco.gov.it/it/responsabili.

Domande: Cosa devo fare se per sbaglio ho preso una dose eccessiva di Acido Pipemidico Eg? Quali sintomi dà una dose eccessiva di Acido Pipemidico Eg?

Non è mai stato riscontrato alcun sintomo da sovradosaggio.

Domande: Acido Pipemidico Eg si può prendere in gravidanza? Acido Pipemidico Eg si può prendere durante l'allattamento?

Nelle donne in stato di gravidanza e durante l’allattamento, il prodotto va somministrato nei casi di effettiva necessità, sotto il diretto controllo del medico.
L’attività farmacologica dell’acido pipemidico è stata studiata sia in vitro che in vivo. Gli studi hanno dimostrato l’ampio spettro d’azione sia verso microrganismi Gram–negativi (principalmente Escherichia, Salmonella, Proteus e Pseudomonas) che verso numerosi ceppi Gram–positivi (in particolare lo Stafilococco aureo). L’acido pipemidico esercita un’azione battericida per inibizione della sintesi del DNA della cellula batterica.
Dopo somministrazione orale viene assorbito rapidamente ed eliminato prevalentemente per via urinaria in forma batteriologicamente attiva (50– 70% della dose somministrata nelle 24 ore successive il trattamento). Il suo legame con le proteine plasmatiche è ridotto (20–30%). Mediamente il picco plasmatico si raggiunge dopo 2 ore dalla somministrazione orale.
La DL50 dopo somministrazione orale nel topo e nel ratto è risultata 5000 mg/kg. Nei ratti dopo somministrazione per 28 giorni di dosi pari a 500–1000 mg/kg/die per os non si sono notate alterazioni anatomiche e bioumorali. Sia nei ratti che nei mini–pigs dopo trattamento per os con dosi da 35 a 140 mg/kg/die dopo 16 settimane non si sono notate alterazioni funzionali, anatomiche e bioumorali. L’acido pipemidico somministrato a coniglie e ratte alle dosi di 70–150 mg/kg/die per os non ha dimostrato alcun effetto teratogeno.