Adriblastina Iniet Fl50mg/25ml Doxorubicina cloridrato

Tipo prodotto: Farmaco solo uso ospedaliero
Principio Attivo: Doxorubicina cloridrato (5 equivalenti)
Prezzo: 119.51 EUR (IVA: 10%)
Classe: H
ATC: L01DB01 Doxorubicina
Azienda: Pfizer Italia Srl (06954380157)
Ricetta: OSP - uso ospedaliero
SSN: Non concedibile
Forma: Soluzione iniettabile
Contenitore: Flacone
Conservazione: Da +2 a +8 e al riparo dalla luce
Scadenza: 24 mesi
Farmaco Ospedaliero: Si
Lattosio: No
Glutine: No

Domande: qual è il nome commerciale di Adriblastina?

ADRIBLASTINA soluzione iniettabile

Domande: quali sostanze e principi attivi contiene Adriblastina?

1 flacone da 10 mg/5ml contiene: doxorubicina cloridrato 10 mg. 1 flacone da 50 mg/25ml contiene: doxorubicina cloridrato 50 mg. 1 flacone da 200 mg/100ml contiene: doxorubicina cloridrato 200 mg.

Domande: Quali eccipienti contiene Adriblastina? Adriblastina contiene lattosio o glutine?

Sodio cloruro, acqua p.p.i., acido cloridrico per pH 3

Domande: a cosa serve Adriblastina? Per quali malattie si prende Adriblastina?

Adriblastina ha dato risultati positivi inducendo regressione in varie malattie neoplastiche quali: carcinoma della mammella, del polmone, della vescica avanzato, della tiroide, dell'ovaio; osteosarcoma e sarcoma dei tessuti molli, linfomi di Hodgkin e non-Hodgkin, neuroblastoma, tumore di Wilms, leucemia linfoblastica acuta, leucemia mieloblastica acuta. Risultati positivi si sono ottenuti anche in altri tipi di tumori solidi, ma lo studio è ancora troppo limitato per giustificare indicazioni specifiche.

Domande: quando non bisogna prendere Adriblastina?

La terapia con Adriblastina è controindicata in pazienti con mielodepressione in atto indotta da precedenti trattamenti chemio-antiblastici o radioterapici e in pazienti già trattati con dosi cumulative complete di Adriblastina o Daunoblastina (vedi punto "Speciali avvertenze e precauzioni per l'uso"). Adriblastina non è raccomandata nei pazienti con gravi cardiopatie in atto o pregresse, sebbene non siano a tutt'oggi disponibili dati conclusivi circa l'importanza di questo fattore di rischio sulla cardiotossicità indotta dal trattamento con Adriblastina.

Domande: come si prende Adriblastina? qual è il dosaggio raccomandato di Adriblastina? Quando va preso nella giornata Adriblastina

Per somministrazione endovenosa Quando Adriblastina è impiegata come unico agente antiblastico la dose consigliata negli adulti è di 60-75 mg/m² di superficie corporea da somministrarsi per iniezione e.v. a intervalli di 21 gg. compatibilmente con le condizioni ematomidollari. La dose inferiore (60 mg/m²) è raccomandata per i pazienti con riserve midollari ridotte dovute ad età avanzata, terapie precedenti, o infiltrazione neoplastica midollare. La dose di 60-75 mg/m² può essere somministrata in una unica iniezione o suddivisa in 2-3 gg. consecutivi. Specialmente per l'età pediatrica è stata suggerita una posologia alternativa di 30 mg/m²/die e.v. per tre giorni consecutivi; tale ciclo è da ripetersi ogni 4 settimane. La dose cumulativa di Adriblastina per via e.v., indipendentemente dallo schema di somministrazione, non deve superare i 550 mg/m² di superficie corporea (vedi punto "Speciali avvertenze e precauzione per l'uso"). Adriblastina è attualmente impiegata estensivamente anche in polichemioterapia a dosi usuali di 25-50 mg/m² ogni 3-4 settimane in combinazione con altri agenti dotati di azione mielodepressiva e a dosi di 60-75 mg/m² se combinata con altri farmaci che non presentano tossicità midollare. Il dosaggio di Adriblastina deve essere ridotto in quei pazienti che presentano una compromissione della funzionalità epatica, onde evitare un aumento della tossicità globale. In linea di massima quando i livelli ematici di bilirubina si aggirano su 1,2-3 mg/100 ml e la ritenzione della bromosulfonftaleina (BSF) è del 9-15%, si raccomanda di somministrare metà della normale dose di Adriblastina. Se i livelli di bilirubinemia e la ritenzione di BSF sono ancora più elevati, si raccomanda di somministrare un quarto della normale dose. Una moderata compromissione della funzionalità renale non sembra essere un motivo per modificare le dosi raccomandate, data la bassa escrezione di Adriblastina attraverso l'emuntorio renale. Modalità di somministrazione Adriblastina Soluzione Iniettabile non è attiva per via orale e non deve essere somministrata per via intramuscolare o intratecale. La somministrazione viene fatta per iniezione endovenosa e, nel caso di trattamento locoregionale dei tumori, per infusione endoarteriosa lenta. È opportuno eseguire la somministrazione endovenosa nell'arco di 5-10 minuti attraverso il tubolare di una fleboclisi di soluzione fisiologica in corso, dopo essersi accertati che l'ago sia perfettamente in vena. Questa tecnica riduce il pericolo di trombosi e di stravaso perivenoso, evento che può condurre a grave cellulite o necrosi. Una sclerosi venosa può essere osservata quando l'iniezione sia eseguita in piccoli vasi o venga ripetuta nella stessa vena.

Domande: Adriblastina va conservato in frigo o a temperatura ambiente? Una volta aperto Adriblastina entro quanto tempo va consumato?

Conservare a temperatura compresa tra + 2 e + 8°C. Proteggere dalla luce.

Domande: a cosa bisogna stare attenti quando si prende Adriblastina? Quali sono le precauzioni da osservare durante la terapia con Adriblastina?

Durante il primo ciclo di trattamento con Adriblastina è importante una attenta e frequente sorveglianza del paziente. Poiché si osserva una elevata incidenza di depressione midollare, è necessario un attento monitoraggio dei globuli bianchi, dei globuli rossi e delle piastrine. La leucopenia con i normali schemi di dosaggio, è solitamente transitoria, raggiunge il valore minimo dal 10° al 14° giorno dall'inizio del trattamento e solitamente ritorna a valori normali entro il 21° giorno. Prima dell'inizio ed eventualmente durante il trattamento, si raccomanda di controllare la funzionalità epatica con i normali esami di laboratorio (per es. : SGOT, SGPT, fosfatasi alcalina, bilirubina, BSF). Particolare attenzione deve essere riservata alla cardiotossicità di Adriblastina. Il rischio di comparsa di uno scompenso cardiaco, che risulta estremamente basso (<1%) al di sotto della dose cumulativa di 550 mg/m&sup2; di superficie corporea, aumenta considerevolmente quando viene superata la suddetta dose limite raccomandata. Questo limite sembra essere più basso (400 mg/m&sup2;) nei soggetti sottoposti a irradiazione dell'area mediastinica. In ogni caso per la dose totale di Adriblastina è opportuno tenere presente nel singolo paziente le eventuali terapie concomitanti con altri farmaci potenzialmente cardiotossici, quali ad es. ciclofosfamide e daunorubicina. Lo scompenso cardiaco può comparire anche alcune settimane dopo la fine del trattamento con Adriblastina e talvolta non è influenzato dalle terapie mediche o fisiche tradizionali. Si raccomanda di effettuare l'ECG prima e dopo ogni ciclo di terapia. La comparsa di alterazioni del tracciato ECG, come appiattimento o inversione dell'onda T e depressione del tratto ST, o l'insorgere di aritmie, non comporta necessariamente la sospensione del trattamento; diversamente una riduzione del voltaggio del complesso QRS è attualmente considerata più specificatamente predittiva per la cardiotossicità. In questa evenienza il vantaggio di continuare il trattamento deve essere accuratamente valutato a fronte del rischio di un danno cardiaco irreversibile. In ogni caso uno scompenso cardiaco può insorgere dopo una dose cumulativa elevata, anche senza essere stato preceduto da alterazioni dell'ECG. Il prodotto, come del resto la maggior parte dei farmaci antitumorali ed immunosoppressori, ha dimostrato proprietà cancerogena negli animali in particolari condizioni sperimentali. Adriblastina può determinare una colorazione rossa delle urine fino a 1-2 giorni dopo la somministrazione. In pazienti con leucemia acuta non linfocitica trattati con polichemioterapia comprendente doxorubicina e citarabina per 3 giorni consecutivi possono osservarsi ulcerazioni e necrosi del colon; tali eventi possono condurre all'exitus per emorragia o infezioni intercorrenti. Si raccomanda di seguire le seguenti misure di sicurezza, valide per tutti gli agenti antineoplastici: il personale dovrebbe essere addestrato alla buona tecnica di ricostituzione e di manipolazione;il personale in stato di gravidanza deve essere escluso da tali compiti;il personale che manipola il farmaco dovrebbe vestire indumenti protettivi: occhiali, camici, maschere e guanti "usa e getta";tutti gli articoli usati per la somministrazione e la pulizia, inclusi i guanti, dovrebbero essere posti in sacchi a perdere per rifiuti ad alto rischio, per l'incenerimento ad elevate temperature;in caso di contatto accidentale del farmaco con la cute o con gli occhi, detergere immediatamente e in abbondanza la cute con acqua e sapone e gli occhi con una soluzione di sodio bicarbonato. Seguire il decorso con controlli accurati da parte dello specialista;in caso di contaminazione accidentale di oggetti con il farmaco, immergerli in una soluzione di sodio ipoclorito (all'1%) e poi sciacquarli abbondantemente con acqua;i materiali per la pulizia devono essere eliminati come precedentemente indicato.

Domande: Quali farmaci non vanno presi insieme a Adriblastina? Quali alimenti possono interferire con Adriblastina?

Adriblastina Soluzione Iniettabile non deve essere mescolata con eparina in quanto questi farmaci presentano incompatibilità chimica ed in certe proporzioni formano un precipitato. Adriblastina Soluzione Iniettabile viene usata anche in associazione ad altri chemioterapici antitumorali; tuttavia è assolutamente sconsigliabile mescolare contemporaneamente più farmaci nella stessa siringa.

Domande: Quali sono gli effetti collaterali di Adriblastina? Devo sospendere la terapia se ho degli effetti collaterali dovuti a Adriblastina?

Via endovenosa: mielodepressione e cardiotossicità sono i due effetti collaterali di maggiore importanza (vedi punto "Speciali avvertenze e precauzioni per l'uso"). L'alopecia rappresenta il sintomo collaterale più frequente comparendo in circa l'86% dei casi trattati. È accompagnata da arresto della crescita della barba nel maschio, ma è reversibile al termine del trattamento. Una stomatite può comparire dopo circa 5-10 giorni dall'inizio del trattamento; essa è caratterizzata da aree di erosione dolenti e localizzate particolarmente lungo i margini laterali della lingua ed a livello della mucosa sublinguale. La sua frequenza e gravità sono risultate maggiori con gli schemi di dosaggio che prevedono la somministrazione di Adriblastina per tre giorni consecutivi. Possono manifestarsi disturbi dell'apparato gastrointestinale quali nausea, vomito e diarrea. Occasionalmente sono stati riportati episodi allergici con febbre, brividi, orticaria. È stata riportata la possibilità di shock anafilattico.

Domande: Cosa devo fare se per sbaglio ho preso una dose eccessiva di Adriblastina? Quali sintomi dà una dose eccessiva di Adriblastina?

Dosi singole molto elevate di Adriblastina possono provocare una tossicità miocardica entro 24 ore di tipo reversibile ed una grave mielodepressione entro una o due settimane.

Domande: Adriblastina si può prendere in gravidanza? Adriblastina si può prendere durante l'allattamento?

Non vi sono attualmente informazioni adeguate circa l'influenza del farmaco sulla fertilità maschile e femminile, sull'azione teratogena o comunque dannosa sul feto. Dati sperimentali tuttavia suggeriscono che Adriblastina può ridurre la vitalità del feto per cui l'uso in gravidanza accertata è da evitarsi.