Anacidol 20cpr Mast Tubo Alluminio idrossido/Magnesio idrossido/Dimeticone/Latte in polvere

Tipo prodotto: Farmaco da banco
Principio Attivo: Alluminio idrossido/Magnesio idrossido/Dimeticone/Latte in polvere
Classe: C
ATC: A02AF02 Associazioni saline comuni ed antiflatulenti
Azienda: A.Menarini Ind.Farm.Riun.Srl otc@menarini.it (00395270481)
Ricetta: OTC - libera vendita
SSN: Non concedibile
Forma: Compresse masticabili
Contenitore: Tubetto
Conservazione: Nessuna particolare condizione di conservazione
Scadenza: 36 mesi
Lattosio: Si

Domande: qual è il nome commerciale di Anacidol?

ANACIDOL COMPRESSE MASTICABILI

Domande: quali sostanze e principi attivi contiene Anacidol?

Ogni compressa masticabile contiene: Principi attivi:
•  alluminio idrossido gel secco 300 mg
•  magnesio idrossido 100 mg
•  dimetilpolisilossano 40 mg
•  latte magro in polvere 1.100 mg Per l’elenco completo degli eccipienti, vedere paragrafo 6.1.

Domande: Quali eccipienti contiene Anacidol? Anacidol contiene lattosio o glutine?

Saccarosio, sorbitolo, talco, magnesio stearato, aroma caramel.

Domande: a cosa serve Anacidol? Per quali malattie si prende Anacidol?

Gastralgie, ipercloridrie, bruciore gastrico, aerofagia.

Domande: quando non bisogna prendere Anacidol?

Ipersensibilità ai principi attivi o ad uno qualsiasi degli eccipienti. Controindicato in età pediatrica. Forme gravi di Insufficienza renale.

Domande: come si prende Anacidol? qual è il dosaggio raccomandato di Anacidol? Quando va preso nella giornata Anacidol

Per l’ampio margine di tollerabilità non vi sono limitazioni rigorose di dosaggio. La posologia media consigliata è di 2 compresse due o più volte al giorno, ai pasti e al momento dell’insorgenza dei dolori. Le compresse vanno masticate o sciolte lentamente in bocca. Non superare le dosi consigliate.

Domande: Anacidol va conservato in frigo o a temperatura ambiente? Una volta aperto Anacidol entro quanto tempo va consumato?

Questo medicinale non richiede alcuna condizione particolare di conservazione

Domande: a cosa bisogna stare attenti quando si prende Anacidol? Quali sono le precauzioni da osservare durante la terapia con Anacidol?

Dopo breve periodo di trattamento senza risultato apprezzabile consultare il medico. L’idrossido di magnesio ed altri sali di magnesio possono causare in pazienti con insufficienza renale depressione del sistema nervoso centrale ed altri sintomi di ipermagnesiemia. Nei pazienti con insufficienza renale i livelli plasmatici di alluminio e magnesio tendono ad aumentare. In questi pazienti, lunghe esposizioni ad alte dosi di sali di alluminio e magnesio possono condurre a encefalopatie, demenza, anemia microcitica o al peggioramento di osteomalacia da dialisi. In questi pazienti deve essere evitato l’uso prolungato del medicinale. L’idrossido di alluminio tende a modificare la biodisponibilità della tetraciclina riducendone l’assorbimento a livello gastroenterico. Bisogna tenere presente che gli antacidi potrebbero mascherare i sintomi dovuti a sanguinamento interno secondario a trattamento con medicinali antinfiammatori. Come altri prodotti a base di alluminio, il medicinale può avere un effetto astringente e causare costipazione. Ad alte dosi può causare ostruzione intestinale. In caso di diete povere di fosforo, tenere presente che l’alluminio idrossido può causare carenza di fosforo (ipofosfatemia). L’alluminio idrossido potrebbe non essere sicuro in pazienti affetti da porfiria sottoposti ad emodialisi. Le compresse contengono saccarosio: di ciò si tenga conto in pazienti diabetici o in pazienti che seguano regimi dietetici ipocalorici. Per la presenza di saccarosio i pazienti con rari problemi ereditari di intolleranza al fruttosio, di malassorbimento di glucosio-galattosio o di insufficienza di saccarosio isomaltasi non devono assumere Anacidol.

Domande: Quali farmaci non vanno presi insieme a Anacidol? Quali alimenti possono interferire con Anacidol?

L’uso contemporaneo di chinidina può determinare l’aumento dei livelli di chinidina nel siero e portare a sovradosaggio di chinidina. L’utilizzo contemporaneo di alluminio idrossido e citrati può portare and un aumento dei livelli di alluminio, particolarmente nei pazienti con insufficienza renale. L’idrossido di alluminio tende a modificare la biodisponibilità della tetraciclina riducendone l’assorbimento a livello gastroenterico. L’uso di antiacidi contenenti alluminio può ridurre l’assorbimento di H2-antagonisti, atenololo, clorochina, tetracicline, diflunisal, digoxina, bisfosfonati, etambutolo, fluorochinoloni, fluoruro di sodio, glucocorticoidi, indometacina, isoniazide, kayexalate, ketoconazolo, lincosamidi, metoprololo, neurolettici fenotiazinici, penicillamine, propranololo, sali di ferro. Lasciar trascorrere almeno due ore (4 per i fluorochinoloni), prima di assumere Anacidol per evitare l’interazione con gli altri farmaci.

Domande: Quali sono gli effetti collaterali di Anacidol? Devo sospendere la terapia se ho degli effetti collaterali dovuti a Anacidol?

Occasionalmente, in seguito ad uso eccessivo, possono presentarsi diarrea o costipazione.

Domande: Cosa devo fare se per sbaglio ho preso una dose eccessiva di Anacidol? Quali sintomi dà una dose eccessiva di Anacidol?

I casi di sovradosaggio con sali di alluminio si possono verificare più facilmente nei pazienti con insufficienza renale grave cronica con sintomi seguenti: encefalopatia, convulsioni e demenza. Come in tutti i casi di sovradosaggio, il trattamento deve essere sintomatico, adottando misure di supporto generiche.

Domande: Anacidol si può prendere in gravidanza? Anacidol si può prendere durante l'allattamento?

ll medicinale deve essere usato solo in caso di necessità, sotto il diretto controllo del medico, dopo aver valutato il beneficio atteso per la madre in rapporto al possibile rischio per il feto o per il lattante.
Componente principale dell’Anacidol è il dimetilpolisilossano, sostanza appartenente al gruppo dei siliconi, che grazie alle caratteristiche fisico-chimiche viene usata con successo in gastroenterologia, come antigastralgico e protettivo della mucosa gastrica. Il suo elevato potere antischiuma è in grado inoltre di prevenire ed eliminare crisi di aerogastria frequenti nei soggetti neurodistonici ed aerofagici. Nell’Anacidol, al dimetilpolisilossano sono associati l’alluminio idrossido gel secco, l’idrossido di magnesio e il latte magro in polvere che, esplicando un’azione antiacida ed adsorbente, completano l’effetto antigastritico del preparato. Il latte rappresenta tuttora un valido mezzo terapeutico nel trattamento dell’iperacidità gastrica. Esplica infatti una duplice azione: neutralizzante e tamponante, che riduce l’iperacidità e promuove un prolungato tamponamento dell’acidità medesima. Nella sua scelta si è tenuto conto della qualità, impiegando una polvere di latte magro, a bassissimo tenore lipidico, che elimina completamente eventuali fenomeni di intolleranza ai grassi da parte del paziente, anche nel caso di somministrazioni prolungate.
Il dimetilpolisilossano grazie alle sue caratteristiche chimico-fisiche non viene assorbito dalle mucose gastro-intestinali. L’idrossido di alluminio viene parzialmente assorbito dal tratto gastrointestinale e dal 17 al 31% viene escreto con le urine. L’idrossido di magnesio viene assorbito solamente per il 5-10% e la quantità assorbita viene rapidamente escreta nelle urine.
Gli studi tossicologici su diverse specie di animali hanno dimostrato che i principi attivi dell’Anacidol, a dosi analoghe a quelle impiegate in terapia, sono ben tollerate. Non influenzano l’attività riproduttiva e non esplicano azione teratogena né mutagena.