Actigrip Gola Collut 200ml200m Esetidina

Tipo prodotto: Farmaco da banco
Principio Attivo: Esetidina
Prezzo: 8.35 EUR (IVA: 10%)
Classe: C
ATC: A01AB12 Esetidina
Azienda: Johnson & Johnson Spa (00884611005)
Ricetta: OTC - libera vendita
SSN: Non concedibile
Forma: Collutorio
Contenitore: Flacone
Conservazione: Inferiore a +30 gradi, conservare il prodotto nella confezione originale
Scadenza: 24 mesi
Lattosio: No

Domande: qual è il nome commerciale di Actigrip Gola?

ACTIGRIP GOLA 100 MG/100 ML

Domande: quali sostanze e principi attivi contiene Actigrip Gola?

100 ml contengono: Principio attivo: esetidina mg 100. Per gli eccipienti, vedere sezione 6.1.

Domande: Quali eccipienti contiene Actigrip Gola? Actigrip Gola contiene lattosio o glutine?

Polisorbitan monostearato (polisorbato 60), etanolo 96%, acido citrico, saccarina sodica, Azorubina 85% (E 122), levomentolo, sodio calcio EDTA, sodio idrossido, essenza di eucalipto, acqua depurata.

Domande: a cosa serve Actigrip Gola? Per quali malattie si prende Actigrip Gola?

Antisettico del cavo orofaringeo.

Domande: quando non bisogna prendere Actigrip Gola?

Ipersensibilità verso i componenti del prodotto. Bambini di età inferiore ai 3 anni.

Domande: come si prende Actigrip Gola? qual è il dosaggio raccomandato di Actigrip Gola? Quando va preso nella giornata Actigrip Gola

Effettuare sciacqui con ACTIGRIP GOLA (non diluito) per 30 secondi, usando 15 ml (1 cucchiaio) al mattino e alla sera, oppure fare gargarismi per 30 secondi con ACTIGRIP GOLA, usando 15 ml due volte al giorno, al mattino e alla sera. Non superare le dosi consigliate.

Domande: Actigrip Gola va conservato in frigo o a temperatura ambiente? Una volta aperto Actigrip Gola entro quanto tempo va consumato?

Conservare a temperatura inferiore a 30° C, protetto dalla luce.

Domande: a cosa bisogna stare attenti quando si prende Actigrip Gola? Quali sono le precauzioni da osservare durante la terapia con Actigrip Gola?

L’uso specie se prolungato, dei prodotti per applicazione topica può dare origine a fenomeni di sensibilizzazione. In tal caso occorre interrompere il trattamento e consultare il medico per istituire una terapia idonea. ACTIGRIP GOLA deve essere usato puro non diluito. Non deglutire Dopo breve periodo di trattamento senza risultati apprezzabili, consultare il medico. Nelle donne in stato di gravidanza e nei bambini al di sotto dei 6 anni di età il prodotto va somministrato in caso di effettiva necessità e sotto il diretto controllo del medico. Tenere fuori dalla portata dei bambini. Per chi svolge attività sportiva, l’uso di medicinali contenenti alcool etilico può determinare positività ai test antidoping in rapporto ai limiti di concentrazione alcolemica indicata da alcune federazioni sportive. ACTIGRIP GOLA contiene come eccipiente il colorante Azorubina (E122) che può causare reazioni allergiche.

Domande: Quali farmaci non vanno presi insieme a Actigrip Gola? Quali alimenti possono interferire con Actigrip Gola?

Non sono state osservate interazioni negative con altri farmaci di comune impiego per la terapia locale delle affezioni del cavo orofaringeo.

Domande: Quali sono gli effetti collaterali di Actigrip Gola? Devo sospendere la terapia se ho degli effetti collaterali dovuti a Actigrip Gola?

Occasionalmente può essere avvertita, all’atto dell’assunzione una sensazione di lieve bruciore e formicolio.

Domande: Cosa devo fare se per sbaglio ho preso una dose eccessiva di Actigrip Gola? Quali sintomi dà una dose eccessiva di Actigrip Gola?

Non sono stati riportati fenomeni di sovradosaggio.

Domande: Actigrip Gola si può prendere in gravidanza? Actigrip Gola si può prendere durante l'allattamento?

In tali casi il prodotto va somministrato in caso di effettiva necessità e sotto il diretto controllo del medico.
L’esetidina è dotata di elevata attività antisettica e di ampio spettro d’azione includente batteri Gram–positivi e Gram–negativi e funghi. La sua attività di tipo battericida è riconducibile ad un meccanismo competitivo nei confronti della tiamina che è un fattore di crescita indispensabile per i microorganismi. Non è stata finora constatata comparsa di resistenza all’esetidina nè resistenza crociata con i principali antibiotici ed antifungini. L’esetidina possiede in vitro e in vivo una elevata affinità per le proteine delle mucose e, in particolare, per quelle del cavo orale; essa si elimina molto lentamente dalle superfici trattate garantendo così un’azione locale prolungata. L’esetidina per somministrazione locale è risultata dotata di una notevole attività antiinfiammatoria nelle prove di infiammazione sperimentale acuta e cronica. L’esetidina può quindi risultare terapeuticamente efficace, oltre che per l’attività antimicrobica, anche per l’attività antiinfiammatoria e antiessudativa in tutte le affezioni del cavo orale con componente flogistica.
Studi sulla tollerabilità locale nell’animale e nell’uomo, hanno dimostrato che l’esetidina è di norma priva di potere irritante o sensibilizzante nei riguardi della pelle e delle mucose. La tossicità dell’esetidina è estremamente bassa: nel ratto la DL50 per via orale è pari a 1430 mg/Kg; nel cane e nel ratto la somministrazione orale ripetuta per 6 mesi–1 anno non ha dato luogo ad alcun effetto tossico. Studi di teratogenesi hanno dimostrato che l’esetidina non determina effetti nocivi sullo sviluppo embriofetale. Lo studio dell’eventuale azione dell’esetidina sulla flora intestinale dopo somministrazione orale nel topo ha escluso qualsiasi interferenza qualitativa e quantitativa.